giovedì 31 maggio 2012

Dal Giornale di Brescia

Ciao a tutti, vi posto l'articolo apparso mercoledì 30/05/2012 sul Giornale di Brescia.


...e pensare che non molto tempo fa un noto giornale monte clarense parlava del progetto di analisi ambientale come di "aria fritta".
Staremo a vedere.

'notte a tutti.
CC

martedì 29 maggio 2012

LA ECOETERNIT E' SICURA?

Stamattina su Q-Cumeber un utente ha postato questa foto con il seguente testo:


"Ciao a tutti, inserisco una foto fatta alla Ecoeternit domenica. Come potete vedere il materiale è stoccato in sacchi di plastica, ma non doveva essere ricoperto ogni giorno con sabbia? Il materiale è in questo stato da parecchi giorni e sabato soffiava un discreto vento in direzione Vighizzolo. Segnalo anche che un paio di notti fa un rimorchio carico di materiale da conferire in discarica è stato parcheggiato fuori dalla Ecoeternit, il camionista se n'era andato a dormire con la motrice da qualche altra parte. E' una procedura corretta e regolare questa?
Grazie per la risposta e un saluto."
       

Ho fatto un paio di ricerche a riguardo per capire se era lecita la domanda posta dall'utente. Vi allego due pagine della relazione tecnica pubblicata sul sito SILVIA nella pratica della Ecoeternit:



Nella relazione non è scritto esplicitamente che il materiale conferito verrà coperto ogni giorno, tuttavia nel disegno si legge "ricopertura giornaliera" sullo schema dello stoccaggio. Visto che stiamo parlando di amianto, le cui fibbre sono sottilissime, volatili e letali, sarebbe opportuno che qualcuno chiarisse questo punto. Per quanto riguarda la segnalazione del camion aspettiamo di avere qualche fotografia per "denunciare" l'accaduto.

In ultima battuta, sempre riguardo a Ecoeternit, vorrei spendere due parole riguardo la convenzione stipulata dal Comune con la società che gestisce la discarica. E' notizia dei giorni scorsi che la Sindaco Zanola ha raggiunto un accordo per cui verranno riconosciuti al Comune alcuni milioni di euro e la possibilità di smaltire alcune tonnellate di amianto ad oggi presente sul territorio monte clarense. Dopo la "battaglia" e la lunga "lotta" arriva quindi il patteggiamento ed il compromesso.

Ora la questione è delicata in quanto quest'operazione della Sindaco può essere letta sia come positiva che negativa ed entrambe potrebbero avere la loro ragione. Si potrebbe pertanto sostenere che la Sindaco ha fatto bene in quanto la discarica c'è, non si può chiudere e quindi è buona cosa ottenere almeno un compenso economico in controparte, dall'altro canto si potrebbe dire che siamo alle solite: la sindaco fa buon viso a cattivo gioco, predica bene e poi razzola male, si straccia le vesti prima per poi intascare i soldi.

La mia personale visione è legata ad un tempo un po' più lungo della vita di un'Amministrazione Comunale, è quindi un po' diversa dalle due prospettate sopra. A me interessa il futuro del nostro territorio che oggi è abitato da me e dai miei figi e domani, spero, lo sarà dai miei nipoti.
Penso quindi che un guerriero quando scende in battaglia lotta e sa che potrà vincere o perdere. Non contempla la possibilità del patteggiamento. Quando è in battaglia vuole vincere e sa che scendere a patti coincide con il mostrare la propria debolezza all'avversario. Il guerriero in battaglia non è interessato a subire il minor danno possibile, non ne vuole proprio subire perchè lotta per vincere e lo fa per se e per tutti quelli che otterranno benefico dalla sua vittoria. Il guerriero sa che ora ha davanti un avversario ma domani ne avrà una altro e dopodomani un altro ancora perchè la lotta è lunga, non vuole pertanto che si diffonda la voce della sua debolezza perchè sa che solo se sarà temuto avrà possibilità di vincere.


venerdì 25 maggio 2012

SENZA VERGOGNA #2


Al post precedente vorrei aggiungere un documento che ritengo importante.

E' la pagina 17 del progetto di discarica Gedit n. 676 del 30/01/2008 (Identificativo Atto N. 1220) presentato in Regione Lombarida e pubblicato sul sito Silvia.







Le parti in giallo sono molto interessanti riguardo gli accordi presi in fase di avvio attività.
Dove e quali sono i provvedimenti adottati? Dove sono i dati, li possiede davvero l'ARPA e l'ASL?

Chi controlla o risponde di quanto scritto sopra?

SENZA VERGOGNA

E' notizia di ieri che la GEDIT s.p.a. di proprietà della filantropica famiglia Gabana ha chiesto al Comune di Montichiari 50.000 € di danni.

Dal Giornale di Brescia del 24/05/2012

La vicenda è nota: nel mese di gennaio, a causa del perdurare delle molestie olfattive, alcuni bimbi della scuola di Vighizzolo avevano accusato malori. Alcuni operai delle ditte confinanti si erano recati al pronto soccorso ed erano itenrventi i medici del lavoro. Era quindi stato organizzato un presidio del Comitato e dei genitori davanti alla Gedit, la sindaco, che per legge è responsabile della salute dei suoi cittadini, aveva richiesto al tar il blocco dell'attività almeno fno a quando le analisi non avrebbero chiarito l'entità e la composizione dei gas emessi.
Il Tar, in meno di 24 ore, aveva bocciato il ricorso del Sindaco e fatto riaprire la discarica Gedit.
Ora la famiglia Gabana chiede al Comune 50.000 € di danni per mancato guadagno.

Adesso, oltre al fare due conti e inorridire difronte ai 18.000.000 di € guadagnati da un'azienda che fa questo schifo di lavoro, la domanda è: ma ci rendiamo conto di che razza di persone abbiamo di fronte? Quando si vende l'anima al profitto si perde la propria umanità e si toccano i livelli più bassi e miseri che un uomo ha. Sarà anche retorica ma purtroppo è così.

Buona giornata a tutti.
CC

giovedì 24 maggio 2012

LA GEDIT PUZZA!

Ed eccoci come consueto qui a compilare il solito, estenuante, bollettino di guerra.
Anche oggi la Gedit ha puzzato, molto, troppo!
Come si fa ad andare avanti così?
La parte nord di Vighizzolo è a tratti invivibile.
Q-CUMBER oggi è pieno di segnalazioni di odori, vi posto di seguito un commento alquanto triste:

"oggi non si poteva stare all'aria aperta, non hai la libertà di farlo perchè ti viene mal di testa a RESPIRARE; allora ti chiudi in casa, non puoi aprire le finestre e in ogni caso con fessure e bocchette(“della sicurezza”) l'odore entra comunque e rimane dentro, nelle camere quando dormi, in cucina mentre mangi, sui vestiti che stendi...  puzza durata fino alle 16.00"
( scriveva alle 11:00)

Ma dove C...O è l'Arpa e chi deve controllare? Dove sono Dotti e Bellotti? Dove sono i tecnici come Davini che autorizzano queste discariche senza conoscere o valutare gli effetti conseguenti?

Mi sa che un altro bel giretto davanti alla Gedit a bloccare tutto 'sà da fare.

SEPPELLIRE DI MERDA LA BELLEZZA

Ciao a tutti, oggi vorrei uscire un po' dal nostro piccolo orticello per guardarmi attorno e capire come vanno le cose da altre parti in fatto di rifiuti e discariche.
La nostra situazione, in particolare quella dell'ATE 43, è assurda, drammatica e intollerabile ( qualcuno dice che sia unica in Italia, qualcuno azzarda in Europa) ma non è l'unica priva di logica e frutto di scelte irresponsabili. Qui potremmo aprire un lungo capitolo su chi effettua queste scelte visto che ad oggi non si capisce se siano i politici, i tecnici dei politici, i discaricatori privati o, più in generale, il fato ma non lo farò.
E' notizia di oggi che Monti ha dato l'ok alla discarica di Corcolle. La discarica sostituirà l'immensa Malagrotta del nostro "amico"  Manlio Cerroni chiusa da pochi mesi. La discarica, secondo alcuni era  la più grande d'Europa con una capacità di 4500 -5000 tonnellate di rifiuti stoccati ogni giorno. Numeri da dare i brividi se pensati su parecchi anni di attività.

La discarica di Corcolle sorgerà ad un passo dalla Villa Adriana, uno dei siti antichi più belli e visitati del nostro paese. Capite?  Un'immensa discarica di rifiuti puzzolenti, nocivi e tossici a fianco di uno dei pezzi più belli della nostra storia che tutto il mondo ci invidia.
La bellezza di un tempo coperta dalla merda di oggi.

Questa cosa non po' non fare male ed il dolore non si allevia neppure con i mille discorsi retorici che si fanno in questi casi: "daltronde i rifiuti da qualche parte vanno messi", "daltronde, vogliamo il benessere? dobbiamo pagarne le conseguenze" e minchiate varie.
La verità è che siamo diventati un paese fondamentalmente brutto, che non sa vedere oltre l'imminente e non concepisce il futuro. Un paese in cui si agisce senza logica e senza giustizia.

La villa Adriana si trova sui Monti Tiburtini e fu voluta dall'imperatore Adriano come sua residenza imperiale lontana da Roma nel 117 d.C.
Adriano la pensò come un tempio della bellezza e dell'arte. Fu pensata per durare in eterno ed ogni suo piccolo angolo fu progettato per donare all'ospite l'incommensurabile gioia del bel vivere.

martedì 22 maggio 2012

AGGIORNAMENTI FOTOGRAFICI DALLA BERNARDELLI

Ciao a tutti, vi posto alcune foto che Nicholas ( eludendo la vigile sorveglianza della security) ha scattato alla discarica Bernardelli ed ha pubblicato su Q-CUMBER.

Come si può vedere sembra che con un grosso magnete stiano selezionando materiale ferroso fra i conferimenti. Saranno scarti di fonderia?






domenica 13 maggio 2012

NOVITA' ( PUZZOLENTI ) DALLA BERNARDELLI

Scrivevamo, una ventina di giorni fa, che qualcosa di strano stava accadendo alla  discarica Bernardelli. La presenza di una minacciosa guardia di sicurezza, dotata di sfollagente, era apparsa ai più come  eccessiva o quantomeno strana per un'innoqua discarica di materiale inerte. Una segnalazione su Q-CUMBER, da parte di un utente che aveva ravvisato fumo e puzza provenienti dalla discarca, sembrava la conferma che qualcosa di nuovo stava avvenenedo.
Oggi circola la voce, a cui manca solo l'ufficialità di un documento, che la Provincia di Brescia ( sì, proprio quella Provincia che proclama sui giornali, attraverso le parole del leghista Dotti, la sua estrema attenzione per il territorio monte clarense) abbia autorizzato il conferimento di nuovi codici CER all'interno della Berbardelli. Pare che questi nuovi CER siano principalmente fanghi derivati da trattaementi, lavorazioni e bonifiche. A noi di Vighizzolo la parola fanghi è tristemente famigliare e da un anno a questa parte fa il rima con PUZZA! TANTA, INSOPPORTABILE PUZZA. Dobbiamo ricordare, per chi non lo sapesse che le discariche di inerti non sono dotate di tutti i sistemi di sicurezza e di isolamento previsti, ad esempio, in discariche come la Gedit destinate a rifiuti di natura pericolosa e tossica.

Questo nuovo inserimento di CER legati ai fanghi non è nuovo per la Bernardelli, già lo scorso anno avevamo scritto dei fanghi provenienti dalle perforazioni fatte in Toscana, questo però mi risulta alquanto strano e siccome dice un vecchio proverbio che a pensar male si fa peccato ma spesso si indovina prova a lanciarmi in una deduzione. E' cosa risaputa che la Bernardelli non navighi, economicamente, in buone acque, è altrettanto risaputo che la Gedit ha avuto un anno travagliato a causa dei fanghi puzzolenti che gli sono costati uno stop da parte del Comune, un'indagine della Procura, alcuni tavoli tecnici, alcuni impianti per ettutire l'odore all'interno della discarica, un fermo per manifestazione da parte del Comitato etc. La Bernardelli, rispetto alla Gedit, è un po' più in "campagna" e dista un po' di più dal centro di Vighizzolo. La Bernardelli è inoltre una discarica di inerti ed il nome fa, all'opinione pubblica, meno paura di una discarica di rifiuti tossico, nocivi o pericolosi. Aggiungo che la famosa guardia, durante le ronde, monitorava sia la Bernardelli che la Gedit. Avete capito la mia deduzione? ebbene sì, penso che qualche CER, i più puzzolenti, sono stati spostati da Gedit a Bernardelli oppure autorizzati in entrambe, magari con un accordo. Ora, questa è solo una supposizione, non c'è uno straccio di documento che possa portare a sostegno della mia tesi ma credo che con il tempo tutto sarà più chiaro ed avremo modo di verificare se la mia è solo la fantasia di un blogger invasato o la realtà.

Capite bene che  il conferimento di fanghi puzzolenti alla Bernardelli complica terribilmente tutto. Se Arpa, Asl e Provincia ( da leggere le parole di Dotti in una recente intervista al Giornale di Brescia) ad oggi non hanno ancora convenuto che la puzza arriva dalla Gedit come faranno a capire da dove arriva quando le discariche puzzolenti saranno due? Come faranno a capire quale dei due è colpevole e come faranno a decidersi su chi punire? Questa decisione appare assurda e paradossale.
Pare che il genio a cui va attribuita la firma della documentazione sia un certo Davini, tecnico della Provincia di Brescia. Ci rimane comunque un'ultima speranza: sappiamo che per legge, a fronte di una modifica ai conferimenti in una discarica ( come l'introduzione di nuovi CER)  ci sono un paio di mesi utili per presentare ricorso al TAR. Siamo certi che la nostra Elena "Green" Zanola si muoverà a difesa del territorio monte clarense e dichiarerà battaglia a questo indicibile scempio.

Tutto quello che sta avvenendo a Montichiari mi sembra assurdo e privo di logica, proseguo quindi sulla via delle deduzioni, su cui questa sera mi sento ispirato, ed ipotizzo 3 possibi scenari:

  1. La politica provinciale e regionale fa grandi proclami sui giornali ( gli serve per rassicurare il suo elettorato) ma poi non sa cosa fanno, cosa firmano e cosa autorizzano i suoi tecnici. In pratica è ignorante ( nel senso che non conosce) rispetto alle decisioni operative. E' una sorta di grande macchina demagoga che parla parla parla ma non è in grado di agire.
  2. La politica ed i suoi tecnici sono assolutamente incompetenti. Non conoscono le cose che firmano e non riescono a comprendere gli effetti futuri che avranno. Non sanno leggere dati, non sanno valutare gli effetti cimulativi delle discariche e sottovalutano irresponsabilmente in rischi alla salute. Sono dei perfetti ignoranti nella materia che pretendono di governare.
  3. La politica ed i suo tecnici sono corrotti. Tutto è comandato dalle imprese private che richiedono, realizzano e gestiscono le discariche. Queste aziende fra i loro dipendenti hanno politici e tecnici che così firmano e autorizzano tutto quello che gli viene passato.

Voi per quale votate?

Un saluto e una buona notte.
CC

martedì 8 maggio 2012

TUTTI A MILANO

Purtroppo una tediosa influenza oggi mi ha bloccato a casa ( il fisico dei vent'anni è un lontano ricordo). Ero comunque in contatto con gli amici del Comitato SOS Terra e vi posto alcune fotografie che mi hanno inviato. Chiunque avesse foto, commenti, impressioni, cose da dire scriva in modo da arricchire per tutti, presenti e assenti, l'esperienza di questa bella e importante giornata.
Dal canto mio non posso che apprezzare la presenza di tutte le parti politiche monte clarensi. Se c'è la volontà gli obiettivi sembrano più vicini e forse sono più facili da raggiungere.
Buona serata a tutti